Non nascondo…

Il mio accucciarmi sempre

come un bisogno d’anima

che trasmigra nel pensiero

è nello scorrere libero

d’una penna che vibra

nella sua velocità afferrante

che condensa gli attimi sublimi

in parole che attraversano

prendendo forma ogni volta

di singulti e spasmi

in quella stretta arresa

alla mia anima che s’esprime

ogni volta cogliendo di me

la libertà di fragilità

nell’esser proprio io

cercatrice dell’ottimale

nella misura di quanto regalo

…riesco a porgermi nell’ora

…riesco a porgermi nel presente

…riesco a porgermi nella vivezza.

Non nascondo i miei palpiti

nè la mia umanità infinita

che mi accartoccia dentro

quella quantità di captare

da dentro…emozione e guizzo

da dentro…dolore e gioia

da dentro…guerra e pace

nel propendermi sempre a prova

che l’eterno è dentro me ancora

per quanto vive e lievita

…d’ali libere.

  (932)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag