L’inghiottirsi…

Lamentarsi su di sè

come se le cose accadute

fossero sempre conseguenze

d’una negatività che s’ascolta

che sembra…ogni volta

chiamarsi altro di cui lamentarsi

chiamarsi altro di cui parlare

come a vanvera…nel vuoto

giusto per cantarsi la canzone

del “tutto a me”col perchè successivo

che sembra infierire su te stesso

piegato dall’insoddisfazione

d’una vita troppo fardello.

Chi si lamenta…non ascolta

mai dà spazio al contrario

quando riesci a veder le cose

d’angolatura diversa

nella spiegazione d’un perchè

impossibile da carpire

rannuvolati nella sfera fantozziana

che sembra risata e basta.

E’ un avvilimento recepire quest’alone

e…non saper che dire nell’esser poi

…così pedanti di pesantezza

che è impossibile poter seguire

qualcosa che non ti fa spiegare

la costanza di ciò che si pensa

d’un meritarsi addirittura

l’insano periodaccio da cui

come un vortice sei subissato…

  (770)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag